Archivi autore: admin

DOMENICA AD OFFAGNA

Si giocherà domenica, alle 15:00, allo Stadio Vianello di Offagna la sfida Vigor Castelfidardo – Osimana. Definita finalmente la data e sede, dopo i divieti degli ultimi giorni.

IO L’HO VISTA COSI’ di Carlo Nardi

OSIMANA – VALFOGLIA

“SEMPRE PIU’ IN ALTO!”

“La pecora cammina e mangia” recita un vecchio adagio dei nostri contadini e così l’Osimana, con passo silente, compatto ed imperturbabile, infila la terza vittoria di fila ed imbocca il sentiero di una transumanza che porta ai pascoli d’alta quota, all’interno della staccionata “play off”.

Quassù l’aria è più salubre e la vista sulla vetta sempre più nitida, anche se la strada è ancora tortuosa ed il sentiero pieno di incognite; però questo è lo stato dell’arte. Infatti con passo lento e cadenzato si arriva lontano anche senza strafare e questo è ciò che sta succedendo ai giallorossi in un momento del campionato che non li vede brillanti dal punto di vista del gioco, ma estremamente produttivi da quello dei risultati e questa è l’unica cosa che conta, dopo un girone di andata passato a rammaricarsi per le occasioni perdute.

L’Osimana ha stentato in fase di propositività, ma va anche detto che il Valfoglia non ha mai tirato in porta ed il secondo “clean sheet” (porta inviolata) consecutivo, come dicono a SKY, la dice lunga sul ritrovato assetto difensivo dell’undici “Senza Testa”.

I locali si schierano con il solito 4-2-3-1, con Farotti, Ciaramitaro, Bellucci e Madonna davanti a Tomba.

Ferri e Pigini a dirigere il centrocampo a sostegno dei ‘tre tenori’ Miramontes, Pasquini e Mongiello, dietro al solista Dell’Aquila.

La partita non offre particolari spunti di cronaca e la pioggerellina che irrora il Diana rende ancora più uggioso un inizio dai toni grigi, come l’orizzonte pieno di nubi. Al 13’ lo squarcio di sole che illuminerà il cammino dell’Osimana fino al termine: Mongiello si inventa una giocata delle sue, rubando palla al difensore e tirando da distanza ragguardevole. Palla sul sette e Osimana in vantaggio. Il Valfoglia, nonostante alcune assenze, comincia a macinare gioco e per la verità lo farà fino alla fine, ma in maniera sterile e per niente produttiva con l’unica opportunità dettata ai taccuini da una punizione di Cenciarini al 37’ che si spegne alta sulla traversa. I locali controllano e si affidano, per la verità con troppa insistenza, a lunghi rilanci dalle parti di Dell’Aquila, ma lo spettacolo non decolla. L’unico a far saltare i tifosi sulle gradinate è l’assistente dell’arbitro che ferma con troppa disinvoltura due contropiede giallorossi per sospetto fuorigioco. Nella ripresa, Pasquini per infortunio, Mongiello per scelta tattica cedono il posto rispettivamente a Montesi e Risté.

Tra le note liete la conferma di Farotti come esterno destro di difesa, ruolo che ormai il ragazzo copre con affidabilità e concentrazione; la giocata di Mongiello che letteralmente si inventa un gol da applausi e consente il risultato pieno; la ritrovata verve di Ferri che ad un certo punto della stagione sembrava ai margini del progetto giallorosso, ma che ha combattuto come un leone con Pigini in un centrocampo che spesso li vedeva soccombere numericamente.

La classifica si accorcia e l’Osimana torna protagonista nel momento più importante della stagione. Il prossimo turno si va a Castelfidardo e non si andrà a pascolare: si gioca sul sintetico e quindi da mangiare, sportivamente parlando, ci saranno solo gli avversari.

Carlo Nardi

CAMP REAL MADRID AL DIANA: SCOPRIAMOLO

C’è già fermento e grande attesa per lo sbarco dei Galacticos allo Stadio Diana. Nella settimana che va dal 15 al 19 Giugno 2020, il via al Camp, dove tecnici selezionati del club madrileno, applicheranno metodologie all’avanguardia, proprie della loro accademia. Tecniche innovative supportate anche da tecnologia di ultima generazione, per carpire ogni segreto del calcio e del calciatore. Molto interessanti sono il BAZOOKA-GOALS, la prima rete pop-up al mondo, il TRACKTICS, una cintura che mostra le prestazioni del gioco in termini di velocità, distanza coperta ed intensità di corsa, lo SMART BALL, fornito da Adidas, è il pallone che, attraverso un sensore integrato, fornisce al tecnico, tutte le informazioni circa il calcio dell’atleta, dalla rotazione al punto di impatto, velocità della palla eccetera. Senza contare l’EXERLIGHTS e il BEPRO11, tutti da scoprire. Saranno giornate intense quelle che spettano ai fortunati partecipanti, che usufruiranno anche del pasto, naturalmente da atleta, a cavallo delle 2 sessioni giornaliere d’allenamento. Kit di allenamento compreso nella quota di iscrizione che sarà di € 299,00 da versare al momento dell’iscrizione direttamente nel sito gestito dall’Academy del Real e volendo, con altri € 50,00 di spesa, la possibilità di usufruire del servizio Pre –accoglienza, Post-ritiro, intrattenimenti e servizio fotografico, da versare in loco. Pasti compresi nella quota iscrizione. Di seguito il link per effettuare da subito l’iscrizione (https://frmclinics.it/detail/index/sArticle/1684/sCategory/100 ).

Il Real Madrid ha voluto omaggiare gli iscritti al settore giovanile giallorosso, di un buono sconto, usufruibile fino al 31 gennaio, del valore di € 30,00. Per tutte le informazioni, il responsabile Osimana del Camp è contattabile dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 12:00 e dalle 16:30 alle 19:30 al 335-6376360.

 

Quando?

Settimana dal 15 al 19 Giugno 2020

A chi è rivolto?

ragazze/i dai 7 ai 16 anni

Come si svolgerà?

Due sedute/sessioni di allenamento al giorno (allenatori Fundación Real Madrid Clinics) ed Analisi delle prestazioni tramite scorecard personalizzata.

Altri benefit ?

1 kit completo Adidas originale + 1 pallone da calcio Adidas ufficiale del Real Madrid + 1 borraccia + 1 sacca per scarpini del Clinic Real Madrid

Possibilità di qualificarsi per la finale nazionale e premio Fairplay, che aprirà le porte, se selezionati, alle sfide del Santiago Bernabeu.

Assicurazione, Pranzo quotidiano (menù da atleta).

LE INTERVISTE DI CARLO NARDI: MR. MOBILI

MISTER MOBILI:”L’OSIMANITA’ CONTA!”

“A volte ritornano” è il titolo del film che da 7 giornate va in onda in versione integrale e a tinte inequivocabilmente giallorosse, sul palcoscenico calcistico Osimano. A ritornare è ancora una volta lui, Roberto Mobili da Porto Potenza, condottiero impavido dalla voce roca e dalle idee chiare. Così chiare che gli hanno permesso di schiarire la situazione di classifica anche all’undici, manco a dirlo, “Senza Testa”.

In silenzio ed in maniera inattesa, è tornato ad Osimo per ritemprare un ambiente demotivato dopo il poco brillante avvio di campionato.

“Non mi aspettavo di essere richiamato – attacca il Mister – perché di solito non si usa ricorrere a tre allenatori nel giro di così poco tempo. La cosa, ovviamente, mi ha fatto molto piacere perché mi ha consentito di ritornare in un ambiente dove mi sono trovato molto bene. Con la società ci eravamo lasciati in ottimi rapporti e se ti richiamano vuol dire che hanno un buon ricordo di te”.

Sette partite con 3 vittorie e 4 pareggi: pensi di aver trovato l’assetto giusto?

Stiamo migliorando ma ancora c’è tanto da fare. Le due vittorie consecutive non ci devono illudere. Non ho problemi a dire che a Passatempo il pari poteva starci tutto, ma così va il calcio: altre volte abbiamo lasciato punti meritando la vittoria, stavolta è andata bene. Fatto sta – continua Mobili – che non sono assolutamente soddisfatto della prova di sabato scorso ed il prossimo turno contro il Valfoglia merita maggior concentrazione e convinzione. Saremo al completo perché ho tutta la rosa disponibile ma bisogna avere più fiducia nei propri mezzi.

In queste sette giornate hai lavorato più sulla condizione fisica o mentale?

Direi che mentalmente i ragazzi erano un po’ giù quindi abbiamo cercato di motivarli ulteriormente. Dal punto di vista fisico ho solo affinato qualcosa secondo il mio metodo. Durante la pausa natalizia abbiamo lavorato molto e mi auguro di vedere considerevoli miglioramenti di qua in avanti.

Nonostante le incertezze della prima parte, i play off sono lì a portata di mano…

Ce ne rendiamo conto e noi faremo di tutto per raggiungerli perché la Società lo merita. Dobbiamo rimanere sul pezzo: concentrati e determinati. Il segreto è quello di affrontare partita per partita con umiltà e con la consapevolezza della propria forza.

Nel frattempo si è ricucito lo strappo con la tifoseria.

Ai tifosi ci teniamo. Ci tiene la Società, ci tengono i ragazzi e ci tiene anche il sottoscritto. Sono sempre presenti e gli applausi di sabato a fine partita a Passatempo ci hanno fatto molto piacere. Il loro apporto è indispensabile e faremo di tutto per ripagarli nel migliore dei modi.

Molti esordienti e grande ricorso al settore giovanile.

E’ un settore che sta dando soddisfazioni. Abbiamo bisogno di giovani preparati e vedo che ogni volta si fanno trovare pronti. Oltre tutto far esordire ragazzi della Città è molto motivante perché l’Osimanità conta.

Carlo Nardi