Archivi autore: admin

GABICCE GRADARA – OSIMANA 1 0

Ancora a mani vuote, con un’altra buona prestazione, immeritatamente ma di nuovo sconfitti. Non è un buon momento, per l’Osimana di Mr. Mancini, che raccoglie consensi a discapito di punti. L’Osimana è scesa in campo con Pesce tra i pali, Ristè, Postacchini e Montesi in difesa. Castorina e Gregorini sulle corsie. Ferri e Morganti al centro, a supporto del trio d’attacco composto da Sabbatini, Marziani e Gorini. Partita senza grandi emozioni, con l’Osimana che controlla il gioco e prova con Castorina e Marziani a sbloccare il risultato. La prima frazione termina sul punteggio di 0 a 0, anche grazie ad un salvataggio sulla linea di porta di un difensore del Gabicce. Cambio forzato in difesa, con il rientro di Baro al posto dell’infortunato Ristè, colpito duro. A metà ripresa, il gol che decide il match. Marziani si invola e batte deciso verso la porta avversaria, il portiere di casa, ribatte da par suo e sulla respinta, si innesca il contropiede, che porta il Gabicce al tiro dal limite. Pesce, inoperoso fino a quel momento, respinge, ma sulla ribattuta irrompe Marchetti che spedisce la palla sul palo, la cui respinta, batte sul viso di Pesce e termina nel sacco. L’Osimana prova la rimonta, serrando le fila, ma nonostante la pressione e l’innesto di Raimondi, il risultato non cambia. Difficile fare considerazioni, alla luce di quanto visto sul campo, ma, destino avverso a parte, serve ancora qualcosa in più.

NOTA DELLA SOCIETA’

U.s.d Osimana comunica che, in data odierna, ha inviato una lettera, alla Federazione ed al Presidente Cellini, per conoscenza, nella quale si esprime tutto il rammarico, sulla vicenda, che ha visto designato, per la partita Osimana – Villa Musone di sabato scorso, un segnalinee, con residenza proprio a Villa Musone. L’Osimana si è riservata, ove ci siano gli estremi, di dare un ulteriore seguito alla questione, nei prossimi giorni. Pur sicuri della buona fede dello stesso, non si può, non evidenziare, il mare di proteste di giocatori e pubblico per l’operato dello stesso, sia in occasione del gol subito, contestato e convalidato, come in altre situazioni. A tali proteste, si è aggiunta l’ammenda alla Società per intemperanze del pubblico e di alcuni dirigenti, proprio verso lo stesso. Essendo Villa Musone, un piccolo paese e non una metropoli, è facile supporre una certa familiarità con l’ambiente, che, mina la serenità di giudizio necessaria. La notizia, arrivata nella serata di ieri, ha profondamente turbato l’ambiente giallorosso.

OSIMANA – VILLA MUSONE 1 2

L’Osimana scivola in casa. Il Villa Musone espugna il Diana con un 2 a 1, maturato nella prima frazione di gioco. Gli ospiti, ringraziano per gli ormai consueti  “regali” in occasione delle marcature e per l’inconsueto, scialbo primo tempo disputato dai giallorossi. Nel computo della partita, non si può dire che l’Osimana abbia meritato la sconfitta, anzi, le più che dubbie decisioni arbitrali, dalla seconda rete convalidata al gol annullato a Postacchini, il bel secondo tempo disputato, lasciano l’amaro in bocca, ma la realtà è, che le troppe e costanti “gaffe”, nella nuda realtà del gioco, non lasciano scampo ad illusori alibi. Mea culpa obbligatorio e senso di responsabilità, a prescindere da tutto quello o quanto di buono detto e fatto sino ad ora. Mr. Mancini schiera Pesce tra i pali. Affianca Ristè a Montesi e Postacchini nella linea difensiva. Castorina e Gregorini sulle fasce, con Morganti e Campanelli al centro.  Trio d’attacco composto da Gorini, Sabbatini e dal rientrante Ripa. Pronti, via e subito il benvenuto agli ospiti. Palla in gestione tranquilla per i giallorossi e brutta palla di Castorina (autore di una splendida prestazione a seguire)per Campanelli, che in stirata, mette in angolo. Siamo al 3° minuto e sull’angolo, Ripa valuta male le traiettoria e salta a vuoto, mentre l’avversario di turno, si ritrova la sfera sulla testa per un comodo tiro a porta spalancata. L’uno a zero, gela il Diana e l’undici giallorosso, tenta di scuotersi, con le incursioni di Sabbatini e Castorina. Che il periodo, poi, non sia dei più fortunati, lo si certifica al 10’ con l’uscita di Ripa, per i soliti problemi alla coscia ed al 20’, con quella di Campanelli, anche se qui, la fortuna c’entra poco, visto il permesso, rilasciato dal direttore di gara all’esperto Ruggeri, di picchiare a destra e sinistra, indisturbato ed addirittura neanche sanzionato in occasione dell’entrata a forbice sul centrocampista giallorosso. Roba da non credere. Così, si pensa bene, di perdere un pallone a centrocampo, su tranquilla uscita e far infilare l’intera difesa, immobile su netta superiorità di uomini ed evidente fuorigioco, lasciato correre dal segnalinee di turno. 2 a 0, che questa volta scuote l’Osimana, buttando anima e “core” oltre l’ostacolo, riaprendo la partita, prima dell’intervallo, con Castorina, lesto e bravo ad insinuarsi nella difesa ospite e battere sottomisura il portiere avversario. L’Osimana torna in campo nella ripresa, con il piglio che dovrebbe avere, nella norma e nel volere del tifo giallorosso, mai mancato a sostegno della squadra, fino agli applausi finali, pur nella sconfitta. Tornano le belle manovre, l’azione tambureggiante ed anche il gol del pareggio, con la splendida rovesciata di Postacchini, con palla all’incrocio, che solo l’eccesso di protagonismo, di un direttore di gara, non all’altezza, poteva annullare per un gioco pericoloso ravvisato, con l’avversario più vicino ad un metro e mezzo e nessuna protesta degli avversari. Complimenti davvero. Ma queste sono scuse, che non giustificano la sconfitta, anche se un po’ di rabbia rimane. L’Osimana ci prova fino alla fine, ma le parate di Cingolani, sulle conclusioni di Marziani (2 volte) e Ferri, davvero miracolose, non scrollano di dosso la sconfitta, né le responsabilità.

OSIMANA: Pesce, Ristè, Montesi (Paccamicci), Postacchini, Morganti, Gregorini, Castorina, Campanelli (Ferri), Ripa (Marziani), Gorini, Sabbatini. All. Mancini. A Disp: Polenta, Baro, Raimondi, Gallina.

VILLAMUSONE AL DIANA

Sabato, ore 15:30, l’Osimana torna al Diana e se la vedrà con il Villa Musone, reduce dalla scintillante vittoria interna contro il Senigallia. Un’avversario galvanizzato e con l’ex di turno Colletta, ma, l’Osimana vista a Rio Salso, lascia ben sperare, a patto che, non sia in vena di generosi regali. Lo vedremo domani