ORE 16:00 STADIO DIANA

Oggi, ore 16:00, fischio d’inizio della gara Osimana – Olimpia Marzocca. Tanti motivi per assistere alla sfida e tanti stimoli per i ragazzi giallorossi. Dall’avversario di caratura, alla sete di rivincita dopo la sonante sconfitta del girone d’andata, passando per motivi di classifica, non ancora sistemata. Assente Persiani per squalifica, servirà la voglia e la determinazione vista nel derby. Forza Ragazzi !!

ORE 16:00 STADIO DIANA

Oggi, ore 16:00, l’Osimana scenderà in campo allo Stadio Diana, contro una delle formazioni di maggior caratura del campionato: l’Olimpia Marzocca, che all’andata, strapazzò i giallorossi con un punteggio sonante. Tanta voglia di rivincita nei ragazzi di Mr. Lombardi, che vogliono replicare la prestazione dell’ultima partita, contro la Passatempese. Servirà la stessa determinazione e concentrazione. Forza ragazzi, vogliamo rivedere l’Osimana versione derby !!

DERBY GIALLOROSSO

Grande prova di carattere e determinazione dei giallorossi, nella tana della Passatempese. I ragazzi di Mr. Lombardi vincono il Derby, con una prova gagliarda. Nessuna disattenzione, nessuna amnesia e tanto cuore, quello che hanno festeggiato al termine dell’incontro i ragazzi della curva, ma anche i tanti accorsi allo stadio, da Osimo. Mr. Lombardi propone un inedito 3-5-2, con Vaccarini tra i pali. Postacchini, Ciaramitaro e Baro nella linea difensiva. Castorina e Montesi sulle corsie esterne. Campana, Ferri e Risté a centrocampo, con Pericolo e Persiani ad offendere. Inizio guardingo da parte di entrambe le compagini, visto il campanilismo e l’importanza della gara. L’Osimana sembra comunque sul pezzo e più intraprendente, anche se è per il Passatempo l’occasione più ghiotta del primo tempo, con Staffolani che si invola solo davanti a Vaccarini, dopo un evidente fallo ai danni di Baro, non rilevato dall’arbitro. Fortunatamente questa volta, il gruppo giallorosso non ha pagato dazio alla prima occasione avversaria ed il tempo si chiude, con diverse punizioni calciate verso l’area della Passatempese, arroccata ma salda. Nessun cambio negli spogliatoi e stesso undici dell’inizio. Stesso copione di inizio partita, fino al 10’, quando una punizione ben calciata da Campana, termina la sua corsa in fondo al sacco, con Castorina che negli spogliatoi, rivendica un tocco, negato dal resto del gruppo. La cosa importante è che sia entrata, per la classifica, i tifosi e tutta l’Osimana. Il Passatempo ci prova, fino alla fine, ma l’arrocco giallorosso resiste e porta a casa, finalmente, una grossa soddisfazione. Grande festa (meritata) al triplice fischio finale, sugli spalti e negli spogliatoi. Sabato campionato fermo, ma, prossimo ostacolo, quel Marzocca, che all’andata, passeggiò con un perentorio 6 a 0. Il Diana, ha sete di riscatto.

OSIMANA: Vaccarini, Castorina, Montesi, Baro, Ciaramitaro, Postacchini, Ferri, Campana, Persiani (Raimondi), Pericolo, Ristè. All. Lombardi A disp. Polenta, Campanelli, Gallina, Strologo, Bellezza, Marcantognini.

OGGI DERBY

Ore 16:00, Derby a Passatempo. Dopo la brutta prestazione di sabato scorso, c’è tanta voglia di riscatto, nei ragazzi di Mr. Lombardi. Attesa in città e tifoseria calda. Squadra concentrata per non deludere i tifosi, muovere la classifica e sistemare la stagione. Assente Leonardi.

OSIMANA – REAL METAURO 1 4

Quella che doveva rappresentare la partita della quasi definitiva tranquillità, si è trasformata in un incubo dal quale i Giallorossi dovranno ridestarsi subito per tenere lontana la zona play-out. Quattro conclusioni degli ospiti, quattro gol, con una percentuale realizzativa del 100%: tutta qui, o quasi, la sonante sconfitta maturata in larga parte già nei primi 45 minuti di gioco.

Lombardi ritrova Vaccarini tra i pali con Castorina, Ciaramitaro, Postacchini e Montesi in difesa. Campana, Riste’ e Ferri reggono il centrocampo, mentre le incursioni offensive sono affidate a Leonardi, Pericolo e Persiani.

Dopo le prime schermaglie dove sembrava che l’Osimana avesse il pallino del gioco, al 10’ prima distrazione: punizione dalla tre quarti e Traiani, colpevolmente solo i area, trafigge in diagonale da destra l’incolpevole Vaccarini. Partita subito in salita e l’Osimana accusa il colpo rischiando al 17’ su azione simile per dinamica, ma Ciaramitaro stavolta salva in extremis. I giallorossi però ritrovano il passo giusto ed al 22’, Leonardi  lavora bene un pallone sulla sinistra ed imbecca Persiani che in area difende bene il pallone, si gira ed insacca in diagonale sull’angolino lontano.

Il pareggio galvanizza i giallorossi ed i ragazzi di Mr, Lombardi sfiorano il raddoppio al 23’ con Pericolo che si invola sulla destra e calcia sul primo palo ma non riesce ad ingannare Maramonti che manda in angolo. Un minuto più tardi altra occasione con un tiro dalla distanza di Ferri che si impenna di un soffio sopra alla traversa.

La squadra si riversa in avanti convinta di poter far suo il match, ma si scopre ed al 30’ un fulminante contropiede di un imprendibile Bracci porta di nuovo in vantaggio gli ospiti. I Locali stavolta accusano il colpo e solo 4 minuti più tardi ancora Bracci fa il tre a uno avventandosi su un cross basso proveniente dalla sinistra; la palla attraversa tutta l’area di porta senza che nessun difensore riesca ad intervenire ed è un gioco da ragazzi spingere il pallone in rete.

Nella ripresa Mr. Lombardi rimescola le carte deciso a riprendere il risultato: dentro Raimondi per Montesi e Baro per Ferri e squadra reimpostata con un 3 – 4 – 1- 2 con Castorina che scala a centrocampo. Neanche il tempo di assestarsi con il nuovo modulo che ancora su contropiede gli ospiti chiudono la partita: quattro passaggi di prima e Traiani, ancora troppo solo in area, batte sicuro verso Vaccarini da due passi: l’estremo giallorosso tocca ma non riesce ad evitare il quarto gol.

Va dato atto ai ragazzi di Mr. Lombardi di provarci fino alla fine a rimettere in piedi la partita: due pali ed un gol annullato a Ciaramitaro, per fuorigioco apparso ai più inesistente, sanciscono il brutto pomeriggio del Diana.  Nel finale entra Campanelli al posto di Riste’ autore comunque di un’ottima prestazione. La stanchezza e lo sconforto la fanno da padrone ma il buon calcio dimostrato dopo il pareggio, e la voglia di provarci fino alla fine sono gli elementi dai quali ripartire per le sfide che attendono l’Osimana di qui alla fine.

 

Carlo Nardi