LE INTERVISTE DI CARLO NARDI: DENIS, BIAGIO E NICCOLO’

Esordienti…ma neanche tanto! 

Ancora tre giovani campioni in giallorosso che difendono i colori dell’Osimana nella categoria Esordienti classe 2007 allenati dal puntiglioso Mister Alessandro Castorina che, a detta dei suoi giocatori, non lascia nulla al caso.

Oggi facciamo quattro chiacchiere con i protagonisti dell’ossatura centrale della squadra: il portiere Denis Neniu, il difensore centrale Biagio Di Serio e la punta centrale Niccolò Michele Triggiani. I tre ragazzi, a sentirli parlare, sembrano già giocatori esperti e, considerata la loro ormai pluriennale esperienza calcistica, c’è anche da crederci. Ma lasciamo che siano loro stessi a raccontare l’esperienza giallorossa e le sensazioni di un periodo davvero particolare.

Cominciamo dal portiere Denis Neniu, di origini rumene ma ormai italianissimo in tutto e per tutto visto che sono più di dieci anni che risiede nel Belpaese.

“Ho cominciato a giocare come difensore poi a centrocampo infine anche ala di attacco – dice sicuro Denis – ma ho scoperto che mi piaceva stare in porta. Quando ho provato mi hanno detto che ero andato bene e così ho continuato”

Alla domanda su chi fosse il suo idolo o a chi si riferisse come esempio, quando ti aspetti i soliti Buffon o Handanovic, visto che tifa Inter, ecco la sorpresa.

“Il mio giocatore di riferimento si chiama Mirko Pigliacelli – attacca sicuro – è italiano e gioca nell’Università Craiova in Romania e mi piace molto come portiere” Effettivamente il curriculum è di tutta levatura visto che ha percorso tutte le trafile della Nazionale fino all’Under 21. Ma torniamo a noi.

Difficile allenarsi per un portiere in casa…

Effettivamente sì, non è semplice anche perché non abbiamo spazi all’aperto disponibili. La mia specialità poi sono le parate sui tiri da lontano, quindi non sono favorito dalla situazione. Colgo l’occasione per salutare tutti gli amici, siamo un bel gruppo e spero di rivederli presto.

 

Biagio Di Serio fa il difensore centrale, gioca con l’Osimana da cinque anni, tifa Napoli ed ha un idolo che risponde al nome di Kalidou Kulibaly.

“Mi ispiro a lui per migliorare – dice Biagio – Non avendo nella velocità il mio miglior pregio, cerco di sopperire con il fisico e l’anticipo. Vado bene anche di testa ed ogni tanto la metto anche dentro, soprattutto in occasione dei calci d’angolo”

Che fai durante questo periodo lontano dal terreno di gioco? Come passi le tue giornate?

Di mattina studio con le videolezioni; durante il pomeriggio mi alleno con le tabelle che ci ha dato il Mister. Riusciamo anche a fare allenamenti di gruppo in videochiamata e devo dire che la cosa è molto divertente. Mi mancano molto i miei amici. Ci tengo molto a loro e speriamo che questo periodo passi velocemente perché non vedo l’ora di ricominciare a giocare.

Saliamo nello scacchiere dello schieramento degli esordienti 2007 e troviamo al centro dell’attacco il bomber Niccolò Michele Triggiani. Tifa Osimana e Juve, gioca da otto anni, di mestiere fa il bomber e si ispira a Ronaldo perché, dice lui :”Nonostante i tanti successi ottenuti, si impegna ancora come fosse un ragazzino che non ha vinto nulla”.

Fai tanti gol ma qual è l’episodio che non dimenticherai mai?

Tre anni fa feci quattro gol al Castelfidardo nel “Trofeo Bellezza”. Un’esperienza davvero unica ed indimenticabile..

Sai che devi mantenerti in forma. Come fai?

Per fortuna posso usare un piccolo piazzale proprio davanti casa. Mi alleno prima correndo un po’ poi con palleggi stop e tiri e devo dire che riesco a fare anche dei buoni allenamenti.

Riesi a sentirti con i tuoi compagni di squadra?

Sì, abbiamo dei gruppi di allenamento con il Mister poi rimaniamo in contatto anche con la Play Station per chiacchierare e non perderci di vista. Spero tutto questo finisca presto – conclude Niccolò – perché la voglia di uscire è davvero tanta

Carlo Nardi