OSIMANA – MOIE VALLESINA 1 0

esultanza

L’Osimana cala il poker sul tavolo del campionato ed infila la quarta vittoria consecutiva andando a vanificare le smanie di rilancio del Moie Vallesina, scesa ad Osimo con la smania di rafforzare il terzo posto in classifica. L’undici giallorosso inizia così il girone di ritorno con una vittoria più netta del risultato finale, se consideriamo le tante azioni da gol sprecate nel secondo tempo, rigore a parte.

Sarà la neve a fare da cornice al Diana, sarà il clima natalizio ancora non del tutto alle spalle, ma Mister Lombardi sceglie l’albero di Natale e manda in campo un 4 – 3 – 2 – 1 con Vaccarini tra i pali, Castorina, Postacchini, Ciaramitaro e Montesi sulla linea difensiva. In mediana Ferri e Risté intorno a Campana. Gabbanelli e Pericolo in attacco dietro un sempre ispirato Petitti.

Il modulo è bilanciato e lo si vede bene dal fatto che i giallorossi tengono tutte le zone del campo senza mai correre rischi per tutto il primo tempo quando si segnalano solo due azioni degne di nota, una per parte, senza particolari patemi per le rispettive difese. Nel secondo tempo la musica cambia e l’Osimana prende in mano le redini del gioco dettando i tempi del match e dimostrando grande sagacia tattica nel controllo delle ripartenze avversarie. Dopo aver rischiato al 5’ del secondo tempo, al 7’ arriva l’occasione del vantaggio: Petitti e Pericolo si intendono ad occhi chiusi e sul triangolo in velocità in area avversaria il numero 10 giallorosso viene steso prima che possa calciare. Rigore netto che però lo stesso Pericolo si fa ribattere.

L’Osimana però ha il grande merito di non abbattersi. Anzi quasi ferita nell’orgoglio continua a macinare gioco e solo dopo circa dieci minuti trafigge la difesa ospite: Petitti imbecca in velocità Pericolo che batte con decisione il portiere in uscita. Gli scambi in velocità tra un incontenibile Pericolo e Petitti mettono alle corde l’intero reparto difensivo ospite che rischia di capitolare in più occasioni. Le incursioni giallorosse continuano anche dopo la sostituzione di Gabbanelli con Persiani e se un difetto si vuol trovare all’undici Osimano è proprio quello di non aver chiuso prima la partita rischiando il pari fino alla fine. Infatti in rapida successione, prima Campana, poi Persiani, infine Petitti sciupano l’occasione per il raddoppio. Nei minuti finali Lombardi sa che queste partite possono girar male e si copre togliendo la stella più scintillante del suo albero di Natale iniziale, Pericolo, per far posto a Baro. Osimana in pieno controllo fino alla fine con la miglior prestazione dell’era Lombardi: squadra sempre bilanciata, mai in affanno, paziente e coperta nel primo tempo, spumeggiante ed arrembante nel secondo. Più decisione e cattiveria nelle conclusioni.

I migliori in campo: Pericolo, fantasioso ed inesauribile; Postacchini, insuperabile nei momenti più decisivi;  Petitti, uomo reparto. Complimenti infine al Mister che ha saputo ridare fiducia e consapevolezza ad una squadra che solo un mese fa sembrava l’ombra di se stessa.

Carlo Nardi

 

ARRIVANO GLI “EX”

passatempo

Oggi, ore 14:30, Stadio Diana, sfida suggestiva tra Osimana e Moie Vallesina, prima giornata del girone di ritorno. Tanti motivi di curiosità, dalla verifica del trend positivo contro un’avversario tosto al ritorno degli ex Mastri e Birarelli. Una sfida tutta da vedere

OSIMANA – AUDAX PIOBBICO 3 0

piobbico

Nel gelo del Diana ci pensano i ragazzi di Mister Lombardi a scaldare il cuore dei fedelissimi presenti, che chiude il difficile girone di andata, inanellando il terzo successo di fila e rifilando tre gol all’Audax Piobbico, sempre più fanalino di coda del girone.

La netta vittoria assume un grande significato in termini motivazionali perché ottenuta contro una squadra che ha sempre lottato per fare risultato e perché Mister Lombardi aveva i giocatori contati per squalifiche ed influenza. Fuori Postacchini, Brasili, Campana per i motivi sopra menzionati e con Pericolo in panchina sempre per postumi influenzali, l’Osimana schiera quattro giocatori nati fra il ’97 ed il ’99 e scende in campo con un bilanciatissimo e non ferreo  4 – 3 – 3 che vede Castorina, Ciaramitaro, Baro e Montesi davanti a Vaccarini. Risté, Ferri e Gallina in mediana e Leonardi, Persiani e Petitti (anche lui reduce da influenza) in attacco. Ruoli intercambiabili e grande sacrificio per tutti i dieci in mezzo al campo, chiamati ad allungare la striscia positiva e chiudere il girone di andata in posizioni di classifica più consone ai giallorossi.

Al 7’ Persiani calcia di poco fuori una punizione dalla destra. Pochi minuti dopo Ferri viene steso in area. Sembra rigore netto, ma l’arbitro dice di continuare tra le proteste di giocatori e pubblico.

Al 20’ Osimana in vantaggio: Petitti controlla dal limite poi tira verso la porta avversaria. Il primo tiro è ribattuto ma la palla gli capita di nuovo tra i piedi: parabola insidiosa che finisce sulla traversa. Il più lesto sulla respinta è Gallina che infila Mirandola.

Il Piobbico non ci sta ed al 40’ si fa pericoloso con una insidiosa conclusione respinta a terra da un attento Vaccarini.

Nel secondo tempo viene subito sostituito Leonardi  ed entra in campo Pericolo. Dieci minuti più tardi esce Gallina ed entra Gabbanelli ma di fatto l’assetto tattico rimane invariato.

Al 19’ Pericolo sfiora il gol su punizione. Para sul sette Mirandola. Calcio d’angolo ed ancora Osimana vicina al gol con deviazione della difesa ancora in angolo.

Al 22’ Ottaviani, autore di una prestazione gagliarda, incoccia di testa su cross proveniente dalla destra ma la palla finisce sul fondo.

A circa venti dalla fine viene espulso Rebiscini per proteste. L’Osimana assume definitivamente il controllo della situazione e nel finale dilaga. Prima Petitti lancia Persiani che viene steso dal portiere: rigore trasformato da Petitti. Poi Pericolo fa il vuoto sulla destra e conclude con un bolide in diagonale: il portiere respinge a fatica e sulla ribattuta Gabbanelli fa tre.

Da segnalare la prova di Petitti che ha propiziato il primo gol, ha trasformato il rigore ed è apparso sempre molto reattivo,  ripiegando spesso anche a dar supporto alla difesa. Ottima prestazione anche da parte di Baro, sempre sicuro ed affidabile.

Prima della meritata e sicuramente caldissima doccia, tutti sotto la gradinata dei tifosi a festeggiare una ritrovata Osimana. Appuntamento il 15 sempre al Diana per il difficile impegno contro il Moie Vallesina per l’inizio del girone di ritorno

Carlo Nardi

SI RIPARTE

passatempo

Oggi con inizio alle ore 14:30, allo Stadio Diana, Osimana ed Audax Piobbico, apriranno il loro 2017. I ragazzi di Mr. Lombardi, reduci da 2 vittorie consecutive, vogliono dar seguito al buon trend intrapreso. Non sarà facile, vista la travagliata situazione “medica” che ha decimato la rosa. Fondo alle giovani speranze e tutti uniti alla ricerca della vittoria.

TROFEO ZAZZERA TORNA A TOLENTINO

img-20170103-wa0060

Ritorna a Tolentino, come da pronostico, il Trofeo intitolato ai compianti Ennio ed Omar, quest’anno eccezionalmente disputato a dicembre, per impegni dei cremisi ad agosto. Giunto ormai alla terza edizione, il Tolentino si impone ai calci di rigore, dopo essere passata in svantaggio, per un rigore magistralmente calciato da Petitti. Protagonista della giornata, come da libro cuore, il nipote dei “zazzera”, Mattia Raimondi, che si è procurato il rigore iniziale e poi ha colpito un palo clamoroso, dopo aver dribblato persino l’estremo difensore cremisi. Il palo, sancisce e speriamo metta fine, alla sfortuna che sembra aver preso di mira il bravo “nipote”. Anno nuovo e sorti nuove, Mattia. L’Osimana conta molto sul tuo talento, forza !! A fine partita, la figlia di Omar, Giulia, ha consegnato il trofeo al capitano ospite. Appuntamento ad agosto, per la quarta edizione.

img-20170103-wa0058