LE INTERVISTE DI CARLO NARDI: GIOVANNI GIACCO

In attesa di disputare mercoledì il trofeo “Zazzera” contro il Tolentino, scambiamo due parole con Giovanni Giacco, D.S. giallorosso da una vita e quindi profondo conoscitore delle dinamiche del campionato che l’Osimana si appresta a vivere da protagonista.

Che campionato prevedi? Chi sono le favorite?

Un campionato combattuto anche se l’Ancona parte come favorita assoluta perché ha giocatori di categoria superiore. Tuttavia non avrà vita facile vista la battagliera presenza di Filottrano, Valfoglia, Gabicce e Senigallia, su tutte. Poi si sa che i campionati prendono pieghe inaspettate, quindi tutto può succedere. Di sicuro per l’Ancona non si tratterà di una cavalcata in solitaria come quella dello scorso anno.

Quali sono le ambizioni e gli obiettivi dell’Osimana tra tante pretendenti?

Non ci nascondiamo se dico che puntiamo ai primi cinque posti. Crediamo nel progetto e pensiamo di essere in grado di raggiungere i play off per giocarci la promozione. Sulla carta ne abbiamo le possibilità e vogliamo mantenere alto il livello degli obietti da raggiungere. Poi il campo dirà la sua.

Si respira sobrio entusiasmo e grande fermento anche a livello societario.

Si è formato un buon gruppo anche se abbiamo sempre bisogno di rinnovato entusiasmo e nuove energie perché organizzare una società come l’Osimana richiede impegno. Per questo faccio appello a sostenitori ad ogni livello, sia sugli spalti che nei quadri dirigenziali e societari, perché ci aiutino ad allargare sempre di più il giro e garantire ad Osimo il palcoscenico che merita.

 

Per concludere ricordiamo che ha ripreso l’attività anche il settore giovanile: oggi tocca a Giovanissimi e Juniores. Mercoledì sarà la volta degli Allievi. Appuntamento al Diana per il “Trofeo Zazzera” mercoledì 22 dalle ore 17.00

Carlo Nardi

SODDISFAZIONE DOPO POTENZA PICENA

Notizie positive, dopo il triangolare di Potenza Picena. L’Osimana, comincia a delinearsi e soprattutto a convincere. Nella prima partita, di 45’ minuti, contro il Camerano, formazione di categoria superiore, gli undici di Mr. Mobili, schierati con Pesce tra i pali, Re, Bergamini, Baro e Montesi nella linea difensiva. Ferri, Ristè e Micucci nel trio di centrocampo e Streccioni, Cerbone e Pasquini ad offendere, si sono imposti con il punteggio di 2 a 1. Dopo le prime schermaglie, i giallorossi passano in vantaggio con Cerbone, lesto ad insaccare sottomisura, dopo una bella azione di Pasquini, conclusa a rete da Ferri. Il Camerano, trova il pareggio alla mezz’ora, con l’osimano Trucchia, ma Baro, bomber estivo, regala la prima vittoria della stagione, ai giallorossi, su azione d’angolo. Soddisfazione e da regolamento, riposo di un’ora, in attesa di giocare contro i padroni di casa, del Potenza Picena, che impattano 0 a 0, contro il Camerano. Nella seconda partita, Mr. Mobili, inserisce Natali, Castorina, Iannaci, Paccamicci, Gatto, Cingolani, Straccio, Madonna e Leonardi, lasciando in campo Baro e Cerbone. L’Osimana, pur disputando una buona partita, subisce una rete da corner, nei primi minuti e non riesce, pur sfiorandolo in diverse occasione, a realizzare quel gol, che avrebbe permesso di aggiudicarsi il Memorial. Peccato, ma quanto di buono visto, seppur nel “calcio d’agosto”, rimane e fa ben sperare.

MONS. GIULIODORI AL DIANA

Era una richiesta di Mr. Mobili, quella di chiudere la prima parte della preparazione, con un momento di raccoglimento, tutti insieme, riuniti in una Santa Messa. Ma mai, il Mr. si sarebbe aspettato, che addirittura, fosse stato il Vescovo in persona, ad arrivare al Diana, per un momento liturgico così intenso. Tutto questo, grazie all’intercessione del dirigente Giovanni Antinori e la grande disponibilità, di Mons. Claudio Giuliodori, che dell’Osimana, fu, negli anni 70′, un protagonista sul campo. Erano i tempi di Mannino, Giacco, Garibaldi, solo per citarne alcuni. Gli anni d’oro della Società giallorossa, con la promozione in serie C e fra tanti campioni, un sedicenne di grandi speranze, esordiva con gol, confermando le innate doti: Claudio Giuliodori, che solo un anno dopo, nel fiorire di una carriera promettente, scelse la via del Signore, abbandonando la casacca giallorossa per indossare la tonica ed intraprendere il percorso ecclesiastico. Grande felicità, per una cerimonia intensa. Mons. Giuliodori ha parlato “da giocatore a giocatore”, usando parole profonde e toccanti, illuminando la serata. La gradita partecipazione del Sindaco Pugnaloni, ha poi dato un sapore ufficiale alla cerimonia, che è terminata con la consegna di quella maglia abbandonata, tanti anni fa, dal Monsignore e ritrovata oggi, assieme al libro della Storia Giallorossa. Rinfresco e sciogliete le righe, per 2 giorni di festa e tanto di benedizione. Grazie, con licenza, al Claudio giallorosso, grazie al Monsignor Giuliodori, per questo graditissimo dono.   

DA CHIARAVALLE CON IL SORRISO

Proseguono i test estivi, della preparazione giallorossa. Ieri mattina, il primo dei tre giorni previsti di allenamenti sulla sabbia, alla Pineta di Portorecanati. Nel pomeriggio, tutti a Chiaravalle, dove alle 18:00 è iniziata l’amichevole con la Biagio. Buone indicazioni, per Mr. Mobili. Rotazione di giocatori, un’Osimana autoritaria in avvio, con una naturale pesantezza dai carichi della mattinata, ma una squadra che ha saputo tener testa all’avversario, seppur di categoria superiore. Nella parte centrale del tempo, supremazia dei Chiaravallesi, che si portano in vantaggio su azione d’angolo. Sul finire del tempo, l’Osimana si fa più propositiva e giunge al pareggio con Ferri, che raccoglie sotto misura, un’invitante pallone recapitatogli da Pasquini, al termine di una splendida azione personale. Nella ripresa, cambio pressochè totale dei protagonisti in campo ed Osimana, che si rende pericolosa svariate volte, con Leonardi e Streccioni. Proprio Streccioni, fa gridare al gol, alla mezz’ora, con una splendida girata al volo, con palla che si stampa sul palo a portiere battuto. Peccato, ma quanto intravisto fino ad ora . . .  

BUONA LA SECONDA

Va stretto all’Osimana di Mister Mobili il pari ottenuto contro il Servigliano, squadra di Eccellenza, nella lunga strada di amichevoli che porta all’inizio del campionato. I giallorossi si presentano con un 4 – 2 – 3 – 1  che vede la linea difensiva con Pesce tra i pali; Gatto, Iannacci, Bergamini e Montesi, sulla linea difensiva; Risté e Micucci in mediana; Streccioni, Ferri e Pasquini a sostenere Cerbone come punta unica. La preparazione intensa con doppie sedute di allenamento quotidiane potrebbe condizionare notevolmente la prestazione, ma l’Osimana non sembra soffrirne e affronta gli avversari con disinvoltura e senza troppi timori riverenziali. Infatti alla fine della partita sono tre le occasioni nei piedi degli uomini di Mister Mobili che fanno rammaricare non poco per un risultato positivo che avrebbe rappresentato una vittoria beneaugurante, perché ottenuta contro una squadra di categoria superiore. Soprattutto da segnalare un’occasione sciupata da Streccioni allo scadere del primo tempo ed una punizione di Campanelli al 21’ della ripresa, sulla quale il portiere avversario si esibisce con una prodezza. Largo spazio al turn over nella ripresa che vede impegnati anche Natali, Baro, Castorina, Campanelli, Gallina, Cingolani, Leonardi e Persiani. Soddisfazione nell’ambiente per la buona prestazione e buon esordio del nuovo arrivato, l’argentino Micucci, autore di una prova autoritaria in mediana. La preparazione prosegue con l’impegno di Lunedì a Chiaravalle contro la Biagio Nazaro, quindi il 18 con un triangolare a Potenza Picena cui parteciperà anche la Cameranese. Il 22 il trofeo “Zazzera” contro il Tolentino, il 25 a Macerata ed il 2 settembre a Porto Potenza contro la squadra locale e la Civitanovese.

Carlo Nardi