VALFOGLIA – OSIMANA 3 3

Bella e generosa, molto generosa. Ancora una volta, diverse ingenuità, negano le giuste gratificazioni, ad una squadra che, per gioco, grinta e determinazione, nonché volontà e saldezza mentale, avrebbero ampiamente meritato. Si può spiegare così, il 3 a 3 finale di Valfoglia – Osimana. Una gara comunque bella, con l’Osimana a fare costantemente la partita e spesso soffrire, le giocate dei talentuosi avanti avversari. Campo in perfette condizioni, sole primaverile ed i giallorossi, in maglia nera, che scendono in campo con Pesce tra i pali. Trio difensivo composto da Baro, Postacchini e Montesi. Ristè e Morganti in mediana, con Castorina e Gregorini sugli esterni. Consolidato trio d’attacco, con Sabbatini, Marziani e Gorini. L’Osimana, subito padrona del campo. Palleggio e possesso palla a liberare le incursioni, pericolose, di Gregorini prima e Sabbatini poi. Fulmine a ciel sereno, il vantaggio dei padroni di casa, che approfittano del primo regalo giallorosso, per presentare Calvaresi, solo davanti a Pesce, che viene beffato dal forte attaccante del Valfoglia. L’Osimana reagisce ed ottiene il meritato pareggio, con Postacchini, che incorna su azione d’angolo. I ragazzi di Mancini, continuano la pressione e vanno vicini al vantaggio con Postacchini su calcio piazzato. Gregorini e Sabbatini, ben innescati dall’ottimo Gorini, mettono alle corde la formazione di casa in più occasioni, fino alla mezz’ora, quando l’ennesimo svarione, gratuito, ripresenta Calvaresi, dalle parti di Pesce. 2 a 1, senza parole. Per completare l’opera e regalare il pallone della partita al forte attaccante, ci pensa l’arbitro, che vede una trattenuta in area e fischia un fiscale penalty ai padroni di casa. Calvaresi spiazza Pesce e manda il Valfoglia, all’intervallo, sull’incredibile, per quanto visto in campo, doppio vantaggio. Scoramento e delusione, in campo e sugli spalti. Una serie di regali, che ucciderebbero un toro, ma non l’undici giallorosso, che con grande merito, riprendono da dove erano partiti, con lucidità e concentrazione, schiacciando i padroni di casa nella loro metà campo ed ottenendo, su azione d’angolo, un calcio di rigore, per netto fallo ai danni di Castorina. Gorini impeccabile dagli undici metri, riaccende ulteriormente gli entusiasmi dei tifosi, giunti numerosi anche a Rio Salso e dà nuove energie alla rimonta. Gorini, sfrutta a dovere, una strepitosa azione di Sabbatini, ma corale nell’innesco e riequilibra il risultato, con un tocco sotto porta. Grande Osimana. La squadra di Mancini, ci prova fino al termine, anche se, le grandi energie profuse, nella rimonta, si pagano nel finale, con gli ospiti che si rendono più volte pericolosi e Pesce deve intervenire un paio di volte in maniera importante. L’Osimana, che sostituisce Ristè con Campanelli e Baro con Raimondi, sfiora il vantaggio con un paio di contropiede. Triplice fischio e tutti negli spogliatoi, con la consapevolezza di quanto di buono fatto e quanto di autolesionistico inventato. Peccato, perché si meriterebbe molti di più. Lavoriamoci !!

MOIE VALLESINA – OSIMANA 0 2

Bella e finalmente vincente. Soddisfazione, dopo la vittoriosa trasferta di Moie, che regala all’Osimana, la prima vittoria stagionale. I ragazzi di Mr. Mancini, si impongono con un perentorio 2 a 0, grazie alle reti di Marziani e Gorini, che suggellano l’ulteriore crescita di gruppo e gratificano il lavoro svolto, con serietà ed abnegazione, sin dal primo giorno di raduno. L’Osimana è scesa in campo con Pesce tra i pali. Baro, Postacchini e Montesi in difesa. Morganti e Campanelli in mediana. Castorina e Gregorini sulle fasce a supporto del trio d’attacco composto da Gorini, Sabbatini e Marziani. Subito concentrata e sul pezzo, l’Osimana sfiora il gol con Marziani, che da ottima posizione spara alto. Il granitico attaccante giallorosso, non si abbatte ed al 15’, piazza il colpo giusto, con un tocco da attaccante vero, su servizio al bacio di uno strepitoso Gregorini. Tripudio sugli spalti, con festa grande per il numeroso gruppo di ultras, ancora una volta al seguito della squadra. La compagine di Antonello Mancini, prende ancora più fiducia e conduce le danze, in controllo assoluto della partita, salvo qualche apprensione, su traversoni in area, da parte dei padroni di casa. Al 35’, il raddoppio. Palla conquistata a metà campo, uno due veloce, che mette Gorini a tu per tu, con il portiere avversario. La difesa del Moie, abbatte l’attaccante giallorosso, appena dentro l’area, secondo il direttore di gara, appena fuori, secondo le proteste di rito. Rigore, che trasforma impeccabilmente lo stesso Gorini. Il tempo termina sul doppio vantaggio, con il rammarico, per una clamorosa occasione, vanificata dall’imprendibile Sabbatini, poco freddo sotto porta, ma autore anche oggi di una prestazione maiuscola. All’intervallo, Mr. Mancini lascia Campanelli negli spogliatoi, per sintomi influenzali e prova il recupero di Ripa, con spostamento di Gorini in mediana. Purtroppo, il talentuoso attaccante di scuola cremisi, accusa nuovi dolori che consigliano la sostituzione dopo appena 10 minuti, con Raimondi pronto alla prestazione. La gara scorre via, con i padroni di casa in generosa, quanto infruttifera, buona volontà e l’Osimana che controlla, piazza ripartenze, importanti, ma non concretizzate a dovere. La partita termina così sul 2 a 0 per i giallorossi, con corsa sotto la curva festante. Ripetiamo, grande soddisfazione e giusto premio per quanto fatto sino ad ora, con la consapevolezza, basata sulla certezza delle qualità umane del gruppo, che, facili entusiasmi, non offuschino l’obiettivo ed il grande lavoro che ancora ci aspetta. Ma siete stati grandi !!

UN CAMPIONE TRA I CAMPIONCINI

Gradita sorpresa per i ragazzi del settore giovanile giallorosso: la visita del 4 volte Campione d’Italia, Simone Pepe. Grande disponibilità dell’ex giocatore della Juventus, per foto, autografi e scambi di battute. Un pomeriggio speciale !!